domenica 6 maggio 2018

Siria: per non dimenticare...

In questo mese di maggio alcune scuole mariste italiane si stanno impegnando per riportare l'attenzione sul tema della Siria. Questa guerra infinita rischia, tra le altre cose, di non destare più attenzione, di non fare più notizia, perché per troppo tempo le immagini tragiche di questi eventi ci hanno bombardato, dal web, dalla tv, dalle liste di Whatsapp. Come al solito, niente di nuovo sul fronte orientale...
La presenza ad Aleppo dei Fratelli Maristi e del gruppo dei "Maristi blu", perché è ormai con questo nome che sono conosciuti a livello internazionale, è per noi un legame forte e significativo.

Conosciamo di persona i fr. George Sabe e George Hakim, abbiamo avuto negli anni dei contatti con alcuni dei volontari, come il dottore Nabil Antaki, uno dei pochi a non essere fuggito da Aleppo, conosciamo l'entusiasmo dei gruppi maristi dei giovani siriani : non sono presenze lontane, sono fratelli con i quali condividiamo carisma e impegno.
Da tempo ci fanno conoscere la loro situazione con una Lettera da Aleppo, molto utilizzata anche da diverse agenzie e pagine web per chiarire i contorni di questo complicatissimo conflitto; ma non si limitano a informare. Si danno da fare in modo esemplare per aiutare le tante situazioni di emergenza: raccolta di fondi, distribuzione di viveri e generi di prima necessità, formazione delle persone. Tutto per mantenere viva la speranza in un contesto dove l'incertezza e il pessimismo sono imperanti.

Per noi occidentali è anche un esercizio di attenzione e di rispetto della realtà; seguire le riflessioni dei nostri amici siriani, in un'epoca dove pensiamo di essere abilissimi a smascherare fake-news e ricostruzioni pilotate dei fatti, ci spiazza un po', perché le notizie che ci forniscono non sono sempre quelle in bianco e nero dei nostri media, dove buoni e cattivi sembrano così facili da identificare...
Ci fa anche piacere che tante altre realtà si mobilitano in in questa direzione, pagine web (come gli approfondimenti del blog Oraprosiria), riviste e quotidiani,  università e personalità dello spettacolo (il concerto di Avitabile a Milano, l'Orchestra Popolare Italiana con A.Sparagna solo per citare gli ultimi di aprile-maggio)
Anche la Fondazione Marista per la solidarietà (FMSI) si è mobilitata per aiutare i nostri amici siriani, con una articolata serie di interventi, comunicazione e progetti.

Per una miglior conoscenza di questa realtà abbiamo dedicato uno spazio a questa periferia e iniziato  a raccogliere alcune delle ultime Lettere da Aleppo, in versione italiana (sul sito ufficiale dei Maristi potete trovarle tutte, in spagnolo, francese e inglese)

domenica 4 marzo 2018

Proposte estive per ragazzi dai 18 anni


Come ogni anno il Gruppo di Pastorale marista ha programmato una serie di proposte educative per l'estate, dedicate ai giovani.

Si tratta di iniziative dal forte impatto sociale che possono aiutare a misurarsi con realtà di emarginazione e difficoltà di vario tipo, per crescere nella consapevolezza che la nostra responsabilità va misurata sul contesto reale e con gesti concreti.

Le proposte spaziano in molte direzioni, dall'Africa all'America, dal Sud al Nord, dall'impegno intenso al silenzio assoluto.

Qui trovate il volantino con tutte le proposte e i riferimenti per contattare i responsabili.

Scarica il depliant con tutte le attività - estate 2018

giovedì 1 febbraio 2018

L'incontro di Guardamar, scuole e opere sociali

Dal 25 al 27 di gennaio 2018 si è svolto il consueto incontro annuale dei gruppi dirigenti delle scuole e delle opere sociali mariste della Provincia Mediterranea. Una riunione che ha coinvolto oltre cento persone, tra fratelli e laici (molti, ovviamente, i laici) nell'accogliente cornice della casa di Guardamar, a pochi passi dal mare e incastonata tra palmeti e dune marine.



L'equipe che ha organizzato l'incontro ha fatto ruotare tutte le attività intorno alla scoperta di 5 tesori. Si trattava dei punti forti del recente Capitolo Generale marista, svoltosi in Colombia nel mese di ottobre. Abbiamo anche avuto l'opportunità di ascoltare il fr. Luis Carlos, nuovo vicario generale, che ci ha parlato a cuore aperto delle sfide per il nuovo inizio.
Gli incontri sono stati molto serrati e le tematiche particolarmente suggestive, grazie anche alle modalità di presentazione molto varia: dallo sketch teatrale alla conferenza, dal concerto musicale alle interviste e al varietà finale. Una bella dimostrazione di fantasia al servizio della comunicazione.
Toccanti le testimonianze dei volontari laici di Siracusa che hanno condiviso con noi un impegno di frontiera, come pure la presenza dei siriani di Aleppo. Dall'Italia eravamo presenti con un buon numero di fratelli e laici di tutte le scuole e, sul fronte della solidarietà, con i referenti del Centro Diurno, la Famiglia marista di Genova e Mani Unite.
Tornare a casa da queste esperienze è sempre un arricchimento e una sfida, a replicare le buone iniziative e mostrare così la vitalità del carisma marista.



domenica 7 gennaio 2018

Progetto Solidarietà marista per il 2018

Anche quest’anno i Fratelli Maristi della Provincia mediterranea suggeriscono un impegno in linea con il Progetto Provinciale di Solidarietà che ogni anno accomuna le scuole di Spagna, Italia e Libano..
Per andare ancora più al concreto, l’Equipe Animazione Italia propone di dedicare la campagna provinciale di solidarietà delle scuole italiane, per tutto l’anno scolastico 2017-18, alla nuova cooperativa sociale Marcellino Champagnat di Giugliano (NA) che faticosamente sta vedendo la luce in questi giorni e che impegnerà non poco i nostri sforzi.
Questa nuova opera sociale è nata per accogliere  i minorenni del circuito penale, come alternativa al carcere.
Trovate in questa pagina una presentazione preparata dagli operatori della nuova cooperativa di Giugliano che sta cominciando a muovere i suoi primi concretissimi passi.
Per tale iniziativa tutte le scuole e comunità sono invitate a dedicare almeno un’iniziativa solidale per la raccolta di fondi, così da poter condividere insieme questo "nuovo inizio" che vede i Maristi di Champagnat ancora una volta operativi in quelle frontiere della nostra società di cui spesso sentiamo parlare e che sono concretamente molto vicine alla nostra vita.

Ecco la presentazione di questa opera sociale

domenica 3 dicembre 2017

Inaugurata la nuova sede del centro diurno L'Albero

28 novembre 2017: Grande festa, anzi, festa di famiglia, per l'attività del centro diurno L'Albero, l'opera sociale che la Famiglia Marista di Cesano Maderno conduce da ormai 16 anni. Era atteso come ultimo evento dell'anno per sottolineare il senso del bicentenario marista e realizzare così un "nuovo inizio" anche per questa iniziativa. Dopo il lavoro di ristrutturazione del capannone adiacente alla nuova casa della comunità dei Fratelli Maristi, che è durato oltre un anno, si è pensato bene di iniziare a vivere nei nuovi spazi appena si sono resi disponibili. Abbiamo approfittato della presenza del fr. Provinciale, Juan Carlos, che era con noi proprio per questa occasione.
Riportiamo la notizia dal blog del Centro Diurno.


Dopo una lunga e laboriosa attesa, alle ore 17 del 28 novembre abbiamo inaugurato il salone in Via Damiano Chiesa.
Erano presenti il sindaco Maurilio Longhin e quello precedente, l'amico Gigi Ponti che era stato testimone e fautore dei primi "germogli" del Centro, nel 2001, il dott. Alfredo Anzani quale rappresentante della Fondazione di Monza e Brianza (che ha contribuito con una bella cifra ai tanti lavori di ristrutturazione sostenuti dai Fratelli Maristi), i responsabili delle comunità pastorali di Cesano, don Stefano e don Romeo, vari amici della scuola di Binzago (che ci ha ospitato da ottobre fino allo scorso venerdì 24/11 e che ringraziamo cordialmente) e alcuni docenti della scuola media dei Maristi, poi i volontari dell'Auser (che accompagnano i bambini all'inizio di ogni pomeriggio) e altri amici che man mano hanno fatto capolino nel salone.
La cerimonia è stata molto semplice, due parole per narrare l'evoluzione del salone, da bottega artigiana fino al risultato finale, poi un saluto dei due sindaci (che tra le altre cose sono entrambi ex-alunni della scuola marista), un rapido commento di don Stefano e don Romeo, con la benedizione del nuovo locale. Era presente anche il provinciale dei Fratelli Maristi, molto contento di essere coinvolto in questo nuovo inizio.
Poi siamo stati invitati a prendere un seme, distribuito dai bambini del centro, ciascuno è andato poi a deporlo in alcune ciotole che verranno curate con attenzione e "protette" come si deve fare per ogni nuovo inizio; sarà il modo giusto per ricordare la cura e l'attenzione che dobbiamo dedicare a tutte le attività che ogni giorno ci attendono.
E finalmente, il momento della merenda condivisa e del rinfresco, in semplicità e allegria, tra bambini che scorrazzavano sotto i tavoli, i grandi che discorrevano, i fotografi che chiamavano a raccolta per immortalare l'avvenimento.
Ma il bello comincia adesso, con l'attività che ogni giorno riempirà questo spazio. Ed è bello sapere che i bambini saranno sempre al centro della nostra attenzione. Per questo.... Auguri!


domenica 12 novembre 2017

I 10 anni dell FMSI - children on the move

Per sottolineare l'annuale ricorrenza della Giornata Internazionale sui diritti dei minori, la FMSI, la fondazione marista internazionale per la solidarietà ha organizzato un convegno sul tema "Children on the move".
Si tratta anche del modo tutto speciale di festeggiare i primi 10 anni di vita della Fondazione, ben descritti nel Rapporto che è possibile scaricare direttamente.

L’evento, che si terrà il 20 novembre presso la Sala del Refettorio a Palazzo San Macuto (Roma) alle ore 10:30, vedrà la partecipazione di rappresentanti di organizzazioni non-profit come Save the Children, Focsiv, Jesuite Refugees Service, Croce Rossa italiana e Terre des Hommes. Tutte organizzazioni impegnate nella tutela dell’infanzia e ha l’obiettivo di sensibilizzare le istituzioni e il pubblico su una tematica così attuale e sensibile come quella dei “children on the move.”
Sarà anche l’occasione per presentare il Rapporto dei primi Dieci anni di attività della Fondazione
In questa occasione verrà presentata anche una mostra di fotogragie realizzate dalle scuole mariste di tutto il mondo, che verranno esposte nella Galleria Alberto Sordi.
Per la selezione delle foto, veramente tante e veramente significative, è possibile votare on-line le foto che si ritengono più adatte per rappresentare il tema del convegno.

Ecco il link per votare le foto 

giovedì 19 ottobre 2017

A proposito di migranti under 18 - impegno marista

Da sempre il mese di ottobre è abbinato alle missioni: per partire con slancio (un tempo era il primo mese di scuola...) e ricordarci l'impegno di portare a tutti la buona notizia.
E di buone notizie ne abbiamo veramente bisogno, di questi tempi, tra scontri internazionali, crisi contornate da scenari nucleari, preoccupazioni climatiche, drammi economici...
E' inevitabile, tout se tient, lo sbattere d'ali di una farfalla in Giappone può scatenare conseguenze in Guatemala. Il tema dei migranti condivide le stesse dinamiche internazionali. Problema grosso, drammatico, che ci deve interpellare.
I Fratelli Maristi hanno fatto una scelta di campo e dallo scorso anno, proprio nel mese di ottobre, hanno aperto una comunità internazionale a Siracusa, per essere maggiormente disponibili alle necessità dei tanti migranti minori che continuano ad arrivare.
Ci piace mettere in evidenza l'opera e l'attività di questa comunità per "scomodarci un po' tutti quanti" su questo tema. Fr. Onorino, il responsabile di questa nuova opera, sarà disponibile per presentarla e raccontare l'esperienza concreta maturata in questi mesi. Per avere un'idea di cosa fanno e come vivono, è possibile sfogliare il loro semplice foglio informativo: notizie da Siracusa!
Si sta organizzando un incontro a Cesano Maderno, per la serata del 25 ottobre, alle ore 21 nel salone della scuola media/centro don Bosco. Nei giorni seguenti fr. Onorino porterà la sua esperienza presso la comunità parrocchiale di Villa Santa (MB). La Comunità marista di Siracusa non rientra direttamente tra le opere della Provincia Marista mediterranea, ma i punti di contatto sono così forti ed evidenti che i legami si spiegano da soli!